INCREDIBOL! 2020

I contributi per i progetti di reazione al COVID degli operatori culturali e creativi di tutta la Regione.

Comune di Bologna e Regione Emilia-Romagna di nuovo insieme per lo sviluppo del settore culturale e creativo: in un anno di grande difficoltà come il 2020 le risorse messe a disposizione dai due Enti si moltiplicano e l’edizione 2020 del bando INCREDIBOL! – l’innovazione creativa di Bologna, progetto coordinato dal Comune di Bologna e realizzato in rete con numerosi soggetti pubblici e privati, assegna oggi contributi per 500.000 euro a chi non si è fermato, ma ha saputo reagire avviando progetti di innovazione in campo culturale e creativo in reazione all’emergenza sanitaria, con uno sguardo agli effetti della crisi sul lungo periodo.

I nuovi vincitori INCREDIBOL! sono ben 34 e sono stati scelti tra i 193 progetti pervenuti da parte di associazioni, liberi professionisti e imprese di tutta la Regione, un numero senza precedenti.

Come ogni anno, i progetti spaziano in molti ambiti: quest’anno la parte del leone è fatta dalla musica, con 10 vincitori su 34, un settore particolarmente colpito dall’emergenza COVID e una filiera di particolare rilievo e consistenza sul nostro territorio, sia alla luce dell’identità di Bologna come città creativa per la musica UNESCO sia della Legge Musica della Regione Emilia-Romagna.

Molti i progetti di rimodulazione degli spazi dei locali e dei club della musica dal vivo, in modo da permettere una fruizione diversificata e nuovi ambiti di attività, ma sono da segnalare anche progetti innovativi di formazione e fruizione digitale da parte di orchestre giovanili, nonché progetti di innovazione digitale di etichette discografiche e compositori.

Sui 193 progetti presentati, 119 provenivano dal territorio di Bologna e 74 dal resto della regione, e tra i 34 vincitori, 22 sono del territorio di Bologna e 12 provengono dal resto della regione.

INCREDIBOL! 2020 – I vincitori in ambito musicale sono:

  • BERNSTEIN SCHOOL OF MUSICAL THEATRE – Accademia del musical riconosciuta MIUR, che ha trasferito i propri corsi online fin dall’inizio del lockdown e ha trasformato i propri spazi esterni in un “Open Air Theatre”, riadattando regia, coreografie e spazi scenici per l’ottava edizione del SUMMER MUSICAL FESTIVAL e proponendo nuovi formati per continuare la produzione di musical anche in epoca Covid.
  • LOCOMOTIV – Storico club bolognese, primo in Italia a riaprire il 15 giugno con una rassegna estiva di concerti, ha rimodulato i propri spazi, digitalizzato servizi di tesseramento e biglietteria e implementato il proprio studio di registrazione con una regia video per riprese, editing e post-produzione.
  • YOUNG MUSICIANS EUROPEAN ORCHESTRA (ORCHESTRA DEI GIOVANI EUROPEI SOC. COOP) – Startup con sede a Ravenna, durante il lockdown e la chiusura dei teatri si è attrezzata per poter suonare e studiare insieme via web, per arrivare preparati alla riapertura, realizzando anche video ambientati in luoghi della cultura significativi del territorio. Le prove in streaming e la produzione di video hanno permesso di resistere alla chiusura dei luoghi di spettacolo e di diminuire le spese di preparazione degli eventi , bilanciando così il calo delle entrate; le nuove pratiche saranno utili anche al termine dell’emergenza.
  • GREEN FLAMINGO SOC.COOP – Startup che, partendo dal mondo del gaming, sviluppa un modello di realtà virtuale applicata all’opera lirica: un’applicazione interattiva per la condivisione di performance registrate con tecniche apposite, cominciando il viaggio dalla collaborazione con il Teatro Comunale di Modena.
  • SENZASPINE – Orchestra giovanile riconosciuta dal MiBACT, associazione culturale e soggetto gestore del ‘Mercato Sonato’, ha sviluppato un portale multimediale dedicato alla musica e all’arte: podcast, video, giochi interattivi e live-streaming per adulti e ragazzi.
  • ASSOCIAZIONE FERRARA SOTTO LE STELLE – La storica associazione ferrarese, legata in primis al festival ‘Ferrara sotto le stelle’, ha trasferito online l’attività del 2020 sviluppando un modello innovativo di fruizione della musica e di formazione attraverso dirette social, maratone live e coinvolgimento di altri festival.
  • BENEDETTO PASCALE GUIDOTTI MAGNANI – Produttore discografico bolognese di musica elettronica, ha sviluppato un progetto dedicato alla realizzazione di una digital library per la sincronizzazione, per generare nuove possibilità di mercato in un periodo difficile per la musica dal vivo, e implementando un servizio di web coaching rivolto ai più giovani.
  • 47011 RECORDS – Etichetta discografica e negozio di dischi alle prese con un profondo ripensamento del proprio modello di business, dovute all’emergenza sanitaria e alle mutazioni della filiera musicale, con un potenziamento di canali online, e-commerce e l’integrazione di un gestionale specifico.
  • STOFF – Associazione modenese che attraverso il progetto “FATEMI SUONARE!” vuole ridare voce, dignità e palco alle realtà musicali che l’attuale situazione ha pregiudicato, trasformando il live club OFF, gestito dall’associazione, in uno studio di ripresa audio e video estremamente flessibile, in modo da stimolare i musicisti emergenti a creare contenuti nuovi e interessanti con l’aiuto di professionisti. L’obiettivo del progetto è sia di mantenere il contatto con il proprio target di pubblico, sia di trasformare la difficoltà in un’opportunità per ampliare il pubblico stesso.
  • ESTRAGON SOC.COOP – Storico club bolognese che intende adeguare i propri spazi alle nuove necessità per favorire nuove modalità di fruizione, creando un habitat modulare, un “cloud” dinamico e mobile, una “quinta” in continua trasformazione, senza alcuna delimitazione prospettica della scena.

I vincitori si aggiudicano contributi in denaro per un totale di 500.000 euro, con un tetto massimo di contributo di 20.000 euro , nonché un accompagnamento su misura in un mix di servizi messi a disposizione dalla rete dei partner: consulenze, formazione e promozione e la possibilità di ottenere spazi in comodato d’uso gratuito.

pubblicato il 24 dic 2020