Buone pratiche a tutela dei lavoratori dello spettacolo e produzione culturale

Il Comune e sindacati firmano un protocollo per favorire la stabilità occupazionale e contrastare il lavoro irregolare

Favorire la stabilità occupazionale e contrastare il lavoro irregolare: sono tra i principali obiettivi del protocollo di buone pratiche per lavoratrici e lavoratori dello spettacolo e della produzione culturale, firmato oggi dal Comune di Bologna con le organizzazioni sindacali di categoria Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil.

Per contrastare il lavoro irregolare, favorire la stabilità occupazionale, garantire un equo compenso e modalità di lavoro sicuro, il Comune e le organizzazioni sindacali hanno dunque condiviso buone pratiche che dovranno essere adottate dai soggetti che operano nell’ambito dello spettacolo e della produzione culturale.

Il Comune si impegna a inserire nei propri bandi e a promuovere clausole specifiche per l’attuazione delle buone pratiche da parte degli operatori dello spettacolo e della produzione culturale.

Il Protocollo, che ha durata triennale, prevede l'istituzione di un tavolo di monitoraggio per verificare l’andamento dell’attuazione del protocollo, condividere azioni congiunte di promozione, divulgazione, monitoraggio dei diritti di tutti coloro che lavorano nello spettacolo e nella produzione culturale.

“Siamo soddisfatti per la firma di questo protocollo – dichiarano gli assessori Matteo Lepore (cultura) e Marco Lombardo (lavoro) –, si tratta del primo accordo in Italia tra un’Amministrazione e i sindacati sulle buone pratiche per il settore culturale e dello spettacolo. Bologna è in prima linea in difesa dei diritti dei lavoratori, continueremo a lavorare assieme ai sindacati affinché il protocollo sia rispettato”.

"A Bologna, e presto speriamo in tutta la regione Emilia-Romagna, si sperimenterà una certificazione sociale a garanzia delle lavoratrici e dei lavoratori della cultura, sia dipendenti sia autonomi, per il contrasto al lavoro irregolare, per la tutela negli appalti, per l'applicazione di buone pratiche contrattuali - dichiarano le organizzazioni sindacali del settore dello spettacolo e della produzione culturale di Cgil, Cisl e Uil - Si definisce una collaborazione fra il Comune e Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, anche attraverso il supporto degli Osservatori della Regione, per individuare segnali di irregolarità rispetto a queste buone pratiche, ed in tal caso prevedendo l'attivazione di specifici tavoli di confronto per verificare le eventuali criticità e individuare appropriate soluzioni".

pubblicato il 24 mar 2021

Foto Arianna Fornaro