14 luglio 2024

Festival Respighi Bologna

Piazza Maggiore, Bologna, Piazza Maggiore - Bologna
Montese, Montese (MO)
Teatro Auditorium Manzoni, Via Dè Monari, 1/2 - Bologna
Cinema Modernissimo, Piazza Re Enzo 3 (ingresso da via Rizzoli 1/2) - 40124 Bologna
Teatro Duse, Via Cartoleria, 42 40124 Bologna
Accademia Filarmonica - Sala Mozart, Via Guerrazzi 13 Bologna
Museo internazionale e Biblioteca della musica di Bologna , Strada Maggiore 34, Bologna
Conservatorio di Musica “G.B. Martini” / Sala Bossi, Piazza Rossini, 2 - Bologna

Edizione #2 | 9 giugno 2024, 14 luglio 2024  |  22 settembre 2024 - 1 ottobre 2024

L’Edizione 2024

Con il sostegno del Comune di Bologna, della Regione Emilia-Romagna e del Ministero della Cultura, e grazie al fondamentale contributo dei Founding Partners Alfasigma e Pelliconi e di sostenitori attenti e sensibili al territorio come Banca di Bologna e Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna, anche la II edizione del Festival offre al pubblico un cartellone ricco di iniziative, lo sguardo proiettato verso il futuro. Una visione che è stata premiata da patrocini importanti come quelli di AGIS, Confindustria Emilia Area Centro e Università di Bologna, cui si aggiunge da quest’anno una partnership preziosa come quella di Bologna Welcome nella promozione del Festival, che riserverà particolari riduzioni sui biglietti a tutti i possessori della Card Cultura e della Bologna Welcome Card.

E proprio la partecipazione dei giovani assume quest’anno un particolare valore, poiché vede coinvolti nella stesura e realizzazione del progetto di comunicazione del Festival gli studenti del Master in Produzione e Promozione della Musica dell’Ateneo felsineo. E giovani saranno gli strumentisti che siederanno nelle file dell’Orchestra del Conservatorio “G.B. Martini” per ben due appuntamenti: innanzitutto domenica 9 giugno per il concerto “lancio” del Festival, nell’ambito del Bologna Portici Festival del Comune di Bologna, quando Piazza Maggiore, il luogo forse più caro ai bolognesi, ospiterà un concerto sinfonico guidato dallo spagnolo Sergio Alapont, vincitore del Concorso Internazionale di Granada e Direttore musicale dell’Orchestra Sinfonica di Coimbra. Straordinaria sarà anche la solista: per la prima volta in Piazza Maggiore si esibirà una ex allieva del Conservatorio bolognese, Laura Marzadori, divenuta ad appena ventisette anni Primo violino di spalla dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano. In programma una rarità come il Concerto per violino in la maggiore P 49 di Ottorino Respighi, e un’antologia di grandi colonne sonore del cinema italiano, che unisce all’omaggio a Riz Ortolani, Nino Rota ed Ennio Morricone un aspetto fondamentale come la promozione dei giovani talenti: gli arrangiamenti orchestrali dei brani in programma, da Amarcord a Nuovo Cinema Paradiso, sono stati infatti approntati dagli studenti di Musica applicata del Conservatorio bolognese. Il concerto sarà gratuito e aperto a tutta la cittadinanza. Agli Abbonati di Musica Insieme sarà riservato un settore dedicato, prenotabile via mail o telefonicamente entro il 3 giugno 2024.

Domenica 22 settembre 2024 l’Orchestra del Conservatorio sarà protagonista anche del concerto inaugurale del Festival all’Auditorium Manzoni, eseguendo in prima assoluta un brano ispirato a Respighi che sarà selezionato fra gli elaborati dei giovani allievi compositori del Conservatorio. E una première mondiale sarà anche l’esecuzione del Concerto Dorico di Ottorino Respighi, la cui orchestrazione e prima edizione – del brano esisteva solo una versione manoscritta e incompleta – è dovuta a un geniale compositore e violoncellista come Giovanni Sollima, che lo eseguirà con la direzione di un grande Maestro del repertorio italiano e non solo, Donato Renzetti, forte di oltre cinquant’anni di carriera nei più importanti teatri al mondo, e mentore di direttori quali Noseda e Mariotti.

Mercoledì 25 settembre, a suggellare il sodalizio con il Teatro Duse di Bologna e con la Fondazione Arturo Toscanini di Parma, il pubblico potrà assistere a un concerto “in trasferta” del Festival Toscanini, protagonista la Filarmonica Arturo Toscanini diretta da Francesco Cilluffo, Direttore Principale del Wexford Festival Opera, solista una delle più acclamate violiniste italiane, Francesca Dego. Il programma, aperto dal celebre Notturno di Martucci, comprenderà oltre al Trittico Botticelliano di Respighi e al suo struggente Poema Autunnale per violino e orchestra, un importante omaggio a Ferruccio Busoni nel 100° anniversario della scomparsa: il suo meraviglioso Concerto per violino e orchestra, a cui la stessa Dego ha dedicato una particolare ricerca, sfociata in una apprezzatissima incisione per Chandos.

Il concerto finale porterà poi per la prima volta il Festival in Sala Bossi, nel Conservatorio dove lo stesso Respighi studiò e si diplomò, con l’Orchestra Senzaspine diretta da Matteo Parmeggiani e due solisti come il chitarrista Eugenio Della Chiara , dedicatario di una ventina di composizioni e unico musicista ad essere premiato per ben due volte dalla Fondazione Rossini di Pesaro, e l’organista Andrea Macinanti, autore dell’incisione integrale per organo di Ottorino Respighi. In programma tre vere e proprie perle del repertorio come la Serenata per piccola orchestra di Respighi, il Concerto n. 1 per chitarra di Castelnuovo-Tedesco e il Concerto per organo op. 100 di Bossi, con il quale lo stesso autore inaugurò proprio l’organo della sala che poi, nel 1942, gli sarà intitolata.

Un intreccio fra le arti. Ai quattro concerti in calendario, anche questa edizione del Festival affiancherà nuove stimolanti occasioni per conoscere meglio Respighi, la sua fortuna critica e la “sua” Italia, coinvolgendo i principali luoghi d’arte e cultura della città.

Si comincia da un luogo antico, ma restituito da pochi mesi alla città dalla Cineteca di Bologna come il Cinema Modernissimo, dove lunedì 23 settembre assisteremo alla proiezione di tre vere e proprie “chicche” della filmografia respighiana, che ci mostreranno l’impatto della Trilogia Romana (al di là della celebre apparizione in Fantasia 2000 della Disney) sull’immaginario cinematografico: due rari cortometraggi degli anni Quaranta e Cinquanta raffigureranno artisticamente le Fontane e i Pini di Roma, mentre The Sound of Rome (2007) per farlo darà la parola a Sir Antonio Pappano, novello Leonard Bernstein per la sua capacità di trasmettere l’entusiasmo per il “Verbo” respighiano.

Una nuova edizione del Convegno internazionale curato dal musicologo Piero Mioli si svolgerà poi sabato 28 settembre all’Accademia Filarmonica di Bologna, grazie all’ospitalità dell’antica istituzione cittadina, che vedrà avvicendarsi in Sala Mozart esperti e divulgatori per un ritratto a più voci di Respighi e della sua epoca. A concludere il Convegno sarà l’ormai tradizionale concerto, che vedrà impegnate quest’anno il soprano Nikoletta Hertsak e la pianista Anna Toccafondi in un florilegio della letteratura liederistica del primo Novecento, da Alfano e Respighi a Zemlinsky e Debussy. La partecipazione sia al convegno che al concerto sarà anche quest’anno gratuita. Ed è divenuta un vero e proprio format la Cena a Casa Respighi, che si ripromette di svelare la personalità di Ottorino e della moglie Elsa in un’atmosfera conviviale, fra musica, teatro e… buona cucina! Con la regia e la sceneggiatura di Gabriele Duma, due attori e due musicisti saranno gli alter ego dei protagonisti: lo stesso Gabriele Duma e Lorenzo Bizzarri daranno voce e “suono” a Respighi, mentre Antonella Franceschini e Gesua Gallifoco si alterneranno nel ruolo di Elsa, in un gioco di specchi fra musica e recitazione. La cena si terrà in un altro affascinante “luogo della musica” con il quale il Festival stringe da quest’anno una nuova collaborazione: il Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna, teatro anche di una visita guidata con un focus sulla sala espositiva dedicata a Martucci e Respighi. La visita si concluderà con un altro trademark del Festival come il “concerto meccanico” affidato quest’anno al pianoforte melodico “Racca” appartenuto alla Regina Margherita. Grazie alla Fondazione Severi di Cesena, questo prezioso strumento nato dal genio di un altro bolognese come Giovanni Racca riprodurrà per il pubblico alcuni brani dello sterminato repertorio ancora perfettamente conservato sul supporto di chilometri di cartoni traforati.

Aspettando il Festival…

Ottorino Respighi non fu soltanto il grande compositore cosmopolita, eseguito dagli Stati Uniti alla Russia, ma fu anche un emiliano doc, amante della pace della natura, e innamorato della sua terra. A Montese, splendido borgo dell’Appennino modenese, Respighi usava villeggiare, insieme a personaggi importantissimi della cultura italiana, come il matematico Pincherle, vi trascorreva periodi di riposo insieme ad amici come Augusto Righi, e compose perfino l’inno di Montese. Una giornata della IV edizione del Festival “Un Paese ci vuole” di Montese, domenica 14 luglio, sarà dedicata al Festival Respighi Bologna, quando seguiremo Ottorino Respighi in villeggiatura con una visita guidata nei luoghi di Respighi e al Museo della Linea Gotica della Rocca, e con una conferenza-concerto insieme al Direttore Artistico Maurizio Scardovi, al compositore montesino Andrea Talmelli e al Direttore Artistico del Festival “Un Paese ci vuole” Marco Lombardo, caporedattore del quotidiano Il Giornale. In conclusione, il violinista Anton Berovsky e la pianista Claudia D’Ippolito eseguiranno alcune celebri pagine del compositore bolognese.
In collaborazione con la Pro Loco di Montese. Si ringraziano Francesco e Candia Meliota per il loro contributo


Biglietti disponibili da mercoledì 6 giugno 2024 a Bologna Welcome, online sul circuito Vivaticket e il giorno di svolgimento degli spettacoli nelle rispettive sedi. Riduzioni per gli abbonati di Musica Insieme e delle istituzioni partner del Festival, e per Under 35, iscritti Università Primo Levi e titolari Card Cultura e Bologna Welcome Card.

Per info e prenotazioni:
info@festivalrespighi.it

Tel. 051271932