dom 13 giugno | ore 20:30

Alessio Pianelli | Mario Montore

@Chiostro della Basilica di Santo Stefano

Bologna Festival 2021 | 40^ edizione | Talenti

Domenica 13 giugno ore 20.30
Alessio Pianelli violoncello
Mario Montore pianoforte

Tra i migliori violoncellisti della nuova generazione, alla padronanza tecnica mostrata nei suoi concerti, Alessio Pianelli unisce con naturalezza una creatività interpretativa accresciuta dal suo essere compositore. Allievo di Giovanni Sollima e Thomas Demenga, ha vinto numerosi concorsi internazionali e collabora con orchestre di fama come solista. Nel suo programma Ottocento e Novecento si specchiano il nostalgico lirismo dei tre Pezzi di fantasia e l’appassionata eloquenza dell’Adagio e Allegro di Schumann che si rifrangono sulla cantabilità rassicurante del violoncello di Prokof’ev e sull’originalità stilistica della Sonata di Šostakovič, pagina in cui passato e presente coesistono in un ambiguo e sarcastico raffronto. Al pianoforte siede Mario Montore, rinomato camerista.

Robert Schumann
Phantasiestücke op.73
Sergej Prokof’ev
Sonata op.119
Robert Schumann
Adagio e Allegro op.70
Dmitrij Šostakovič
Sonata op.40

Talenti. Uno spazio aperto alle giovani promesse del concertismo europeo. Vincitori di concorsi internazionali, artisti emergenti che per la prima volta si esibiscono sui palcoscenici della città.

Alessio Pianelli | Mario Montore

dom 13 giugno | ore 20:30
@Chiostro della Basilica di Santo Stefano

Bologna Festival 2021 | 40^ edizione | Talenti

Domenica 13 giugno ore 20.30
Alessio Pianelli violoncello
Mario Montore pianoforte

Tra i migliori violoncellisti della nuova generazione, alla padronanza tecnica mostrata nei suoi concerti, Alessio Pianelli unisce con naturalezza una creatività interpretativa accresciuta dal suo essere compositore. Allievo di Giovanni Sollima e Thomas Demenga, ha vinto numerosi concorsi internazionali e collabora con orchestre di fama come solista. Nel suo programma Ottocento e Novecento si specchiano il nostalgico lirismo dei tre Pezzi di fantasia e l’appassionata eloquenza dell’Adagio e Allegro di Schumann che si rifrangono sulla cantabilità rassicurante del violoncello di Prokof’ev e sull’originalità stilistica della Sonata di Šostakovič, pagina in cui passato e presente coesistono in un ambiguo e sarcastico raffronto. Al pianoforte siede Mario Montore, rinomato camerista.

Robert Schumann
Phantasiestücke op.73
Sergej Prokof’ev
Sonata op.119
Robert Schumann
Adagio e Allegro op.70
Dmitrij Šostakovič
Sonata op.40

Talenti. Uno spazio aperto alle giovani promesse del concertismo europeo. Vincitori di concorsi internazionali, artisti emergenti che per la prima volta si esibiscono sui palcoscenici della città.