16 marzo 2022, 21:00

CLASSICAdaMercato | Le sacre et l'impertinent

Dove
Mercato Sonato, Via Tartini 3, Bologna

CLASSICAdaMercato | Le sacre et l'impertinent
Apertura ore 19.00, inizio concerto ore 21.00

Pin up Sextet
Un viaggio nella musica francese del ‘900 attraversando le sue mille sfaccettature, dalla raffinata bellezza al politicamente scorretto.

Programma:
Jean Francaix – L’heure du berger
Philippe Hersant – Osterlied
Francis Poulenc – Sextet op. 100
Organico:
Alessandro Lo Giudice, flauto
Enrico Paolucci, oboe
Annalisa Meloni, clarinetto
Giulio Montanari, corno
Edoardo Casali, fagotto
Francesca Fierro, pianoforte
Compositore e pianista ironico quanto folle, Jean Francaix riflette nella sua musica la persona (o il personaggio) che si propone di essere. La sua abilità compositiva gli consentiva con spaventosa facilità di unire in musica dramma e grottesco, patetico e lezioso, bizzarria e malinconia. L’heure du berger è tratta probabilmente dall’omonimo poema di fine ‘800 del poeta maledetto Paul Verlaine. L’espressione indica generalmente la fine della giornata, momento in cui gli amanti si incontrano. Francaix ha scritto il pezzo nel 1947 per l’intrattenimento musicale di un cafè parigino dell’epoca (di cui era un assiduo frequentatore).
Allievo di André Jolivet, Philippe Hersant riversa nella sua opera musicale tratti della Jeune France (gruppo culturale/musicale degli anni 30 di cui faceva parte anche Messiaen) come misticismo, interrogazione dell’animo umano e dialogo con il Divino (il cosmo). Dedicato al quintetto di fiati Les Vents Français e al pianista Eric Le Sage, sono una serie di canti, presumibilmente sacri, con influenze timbriche e armoniche di Dutilleux, Jolivet e Poulenc.
Il Sestetto op. 100 di Francis Poulenc è considerato la pietra miliare di questo organico da camera. Capolavoro assoluto della musica francese, pone davanti a noi una chiara identità parigina, contraddittoria nella sua natura quanto speciale. Iniziata nel 1933 e terminata, dopo revisioni con Nadia Boulanger (sua docente di composizione) nel 1939, il Sestetto apre la strada a numerose sperimentazioni con strumenti a fiato.
Il primo movimento ci lancia fin da subito in un vortice di energia che coinvolge tutti gli strumenti, nessuno escluso! Fino alla fine!


Biglietti 5 €
Prevendite: https://bit.ly/367vJuK
Super Green Pass obbligatorio
+ Tessera Arci 2021/2022*
*è possibile farla all’ingresso al costo di 10 €, consigliata la pre-adesione online per velocizzare il tesseramento: https://portale.arci.it/preadesione/assne-senzaspine/