Ada Montellanico Quintet feat. Michel Godard - "We Tuba"

@Cantina Bentivoglio

BJF – Bologna Jazz Festival 2021

ADA MONTELLANICO QUINTET feat. MICHEL GODARD
“We Tuba”

Ada Montellanico, voce
Michel Godard, tuba, serpentone
Simone Graziano, pianoforte
Francesco Ponticelli, contrabbasso
Bernardo Guerra, batteria

Partita da un’impostazione canora di ferrea matrice jazzistica, Ada Montellanico si è mantenuta saldamente attaccata a questa sua formazione anche quando è passata dall’interpretazione del repertorio degli standard a personali rivisitazioni della canzone italiana. Laddove, rispetto alla canzone di Broadway, le pop songs italiane si dimostrano più refrattarie ai ritmi jazz, la Montellanico ha saputo lavorare sugli spazi piuttosto che sulle scansioni definite e swinganti, amplificando l’importanza di interpretare i testi e non solo di intonarli.
Il suo nuovo progetto “We Tuba” (pubblicato su disco quest’anno dalla Incipit) esibisce un organico originale che enfatizza l’intreccio delle linee strumentali e porta alla ribalta il rapporto tra voce e strumenti a fiato (sul disco oltre a Michel Godard compare anche Paolo Fresu).


Si consiglia la prenotazione. Rivolgersi direttamente al locale per informazioni e prenotazioni.

Cantina Bentivoglio
Tel. 051 265416
jazz@cantinabentivoglio.it

www.cantinabentivoglio.it


www.bolognajazzfestival.com

www.facebook.com/BolognaJazzFestival

Ada Montellanico Quintet feat. Michel Godard - "We Tuba"

@Cantina Bentivoglio

BJF – Bologna Jazz Festival 2021

ADA MONTELLANICO QUINTET feat. MICHEL GODARD
“We Tuba”

Ada Montellanico, voce
Michel Godard, tuba, serpentone
Simone Graziano, pianoforte
Francesco Ponticelli, contrabbasso
Bernardo Guerra, batteria

Partita da un’impostazione canora di ferrea matrice jazzistica, Ada Montellanico si è mantenuta saldamente attaccata a questa sua formazione anche quando è passata dall’interpretazione del repertorio degli standard a personali rivisitazioni della canzone italiana. Laddove, rispetto alla canzone di Broadway, le pop songs italiane si dimostrano più refrattarie ai ritmi jazz, la Montellanico ha saputo lavorare sugli spazi piuttosto che sulle scansioni definite e swinganti, amplificando l’importanza di interpretare i testi e non solo di intonarli.
Il suo nuovo progetto “We Tuba” (pubblicato su disco quest’anno dalla Incipit) esibisce un organico originale che enfatizza l’intreccio delle linee strumentali e porta alla ribalta il rapporto tra voce e strumenti a fiato (sul disco oltre a Michel Godard compare anche Paolo Fresu).


Si consiglia la prenotazione. Rivolgersi direttamente al locale per informazioni e prenotazioni.

Cantina Bentivoglio
Tel. 051 265416
jazz@cantinabentivoglio.it

www.cantinabentivoglio.it


www.bolognajazzfestival.com

www.facebook.com/BolognaJazzFestival