A volte l’impossibile è trasparente

@Museo internazionale e biblioteca della musica

ultimamusica | #novecento i musicisti raccontano i musicisti

Per Ultimamusica. Musiche ‘inaudite’ di questo (e altri) secoli, live di Francesco Guerri, violoncello; Fabrizio Puglisi, pianoforte preparato.

Il titolo è una frase di Tristan Honsinger, fra i primi a sviluppare una tecnica violoncellistica nel jazz e nell’improvvisazione. Ma è anche la sintesi della musica del duo Guerri/Puglisi, che nasce e si affastella sui loro leggii proprio sotto gli occhi del pubblico, in forma di brani, spunti e versioni alternative, a volte di breve vita, a volte indecifrabili, a volte solo pretesti per immergersi in un’immensa galassia di suoni e possibilità.

Il secolo breve a ben vedere non lo è stato poi così tanto, se al suo interno è riuscito a contenere espressioni artistiche lontane, diversissime tra loro e a volte addirittura contraddittorie, in ogni caso segnanti. E a distanza di vent’anni, il Novecento in musica si porge così ai nostri occhi, ma soprattutto alle nostre orecchie: un’epoca fremente, impetuosa, a tratti problematica e avvolta in una mitologia tutta da conoscere.

Ultimamusica. Musiche ‘inaudite’ di questo (e altri) secoli propone sei appuntamenti dedicati ai linguaggi, ai protagonisti, alle idee, alle curiosità e agli strumenti che contraddistinguono la “contemporanea“ di oggi e del secolo appena passato.

È consigliato acquistare il biglietto in prevendita:
- presso il bookshop del Museo della Musica nei giorni di apertura
online (con una maggiorazione di € 1,00) su www.midaticket.it.

Ingresso: € 6,00 intero / € 5,00 ridotto (studenti universitari con tesserino, minori di 18 anni, possessori Card Cultura)

A volte l’impossibile è trasparente

@Museo internazionale e biblioteca della musica

ultimamusica | #novecento i musicisti raccontano i musicisti

Per Ultimamusica. Musiche ‘inaudite’ di questo (e altri) secoli, live di Francesco Guerri, violoncello; Fabrizio Puglisi, pianoforte preparato.

Il titolo è una frase di Tristan Honsinger, fra i primi a sviluppare una tecnica violoncellistica nel jazz e nell’improvvisazione. Ma è anche la sintesi della musica del duo Guerri/Puglisi, che nasce e si affastella sui loro leggii proprio sotto gli occhi del pubblico, in forma di brani, spunti e versioni alternative, a volte di breve vita, a volte indecifrabili, a volte solo pretesti per immergersi in un’immensa galassia di suoni e possibilità.

Il secolo breve a ben vedere non lo è stato poi così tanto, se al suo interno è riuscito a contenere espressioni artistiche lontane, diversissime tra loro e a volte addirittura contraddittorie, in ogni caso segnanti. E a distanza di vent’anni, il Novecento in musica si porge così ai nostri occhi, ma soprattutto alle nostre orecchie: un’epoca fremente, impetuosa, a tratti problematica e avvolta in una mitologia tutta da conoscere.

Ultimamusica. Musiche ‘inaudite’ di questo (e altri) secoli propone sei appuntamenti dedicati ai linguaggi, ai protagonisti, alle idee, alle curiosità e agli strumenti che contraddistinguono la “contemporanea“ di oggi e del secolo appena passato.

È consigliato acquistare il biglietto in prevendita:
- presso il bookshop del Museo della Musica nei giorni di apertura
online (con una maggiorazione di € 1,00) su www.midaticket.it.

Ingresso: € 6,00 intero / € 5,00 ridotto (studenti universitari con tesserino, minori di 18 anni, possessori Card Cultura)